Stiamo preparando la VII edizione

E se la pandemia, fra le tante lezioni che avrebbe potuto darci, ci avesse indicato anche l’obbligo morale di cedere definitivamente il testimone alle nuove generazioni?


È da questa domanda, o meglio, da questa intuizione, che quest’anno vuole svilupparsi la riflessione e la progettazione della VII edizione del Campus della Pace che si terrà nel quartiere Gratosoglio a Milano dal 25 aprile al 1 maggio. La crisi pandemica non è solo frutto di una casualità naturale: la sua devastante portata trova la complicità in una scellerata responsabilità politica, in una miopia economica e in una visione troppo tecnologica e poco etica del rapporto uomo-natura. La pandemia altro non è che uno spettro da cui cogliere l’intero sistema malato. I rimedi che le generazioni attualmente alla guida del mondo hanno individuato polarizzano ancora una volta le risorse e gli strumenti scavando un crinale invalicabile fra il nord e il sud del mondo, fra l’occidente e l’oriente, pur se la coscienza civile ha maturato che da questa crisi o si esce insieme oppure si affonderà senza scialuppe di salvataggio per nessuno.


41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti